Nevernight: Alba Oscura, Jay Kristoff – Recensione

Dopo tempo immemore dalla sua lettura eccomi, finalmente oggi, a pubblicare la recensione di uno dei libri che ho più amato durante il 2019. Nevernight è una di quelle trilogie che rimarranno per sempre nel mio cuore e acuì guarderò sempre con nostalgia. È anche l’unica serie che ho in più edizioni: oltre alla meravigliosa e curatissima edizione di Nevernight portata in Italia dalla Oscar Vault ho anche l’edizione inglese che porta Mia in copertina con secondo e terzo libro autografati dall’autore. Ovviamente gli altri li ho fatti autografare durante l’incontro a Roma che si è tenuto lo scorso 22 Settembre.

Trama

Mia Corvere, gladiatii, schiava fuggiasca e infame assassina, sta scappando. Dopo i grandi giochi di Godsgrave, finiti con il più audace omicidio nella storia della Repubblica itreyana, Mia si ritrova braccata. Potrebbe non uscire viva dalla Città di Ponti e Ossa. Il suo mentore Mercurio è ora nelle mani dei suoi nemici. La sua stessa famiglia la vuole morta. Ma sotto la città, un oscuro segreto è in attesa. La notte sta per scendere sulla Repubblica, forse per l’ultima volta.

Editore: Mondadori

Data di Pubblicazione: 3 Settembre 2019

Pagine: 524

Prezzo: 20,00€

Ultimo libro di una trilogia che mi permetto di definire con le palle quadrate. Ci ritroviamo alla resa dei conti. La storia ci ha portati in un momento in cui Mia ritrova suo fratello e tutte le certezze crollano. Le evoluzioni, a questo punto del racconto, sono continue. Non mi dilungherò a parlarvi di descrizioni, ambientazione e personaggi perchè sono cose di cui ho ampiamente parlato nelle recensioni precedenti e tutti sappiamo il mio amore per zio Jay quindi vediamo un po’ cos’è successo. Conosciamo molti personaggi nuovi e ne ritornano di vecchi. Si avvicina il Verobuio e i poteri di Mia crescono insieme alla sua capacità di controllarli. Mia che, con le sue peripezie nella città dei pirati diventa sempre più badass e il ritorno di Tric che mi ha fatto sperare, finalmente, di potermi permettere una gioia. L’incontro finale con Scaeva e il vero e proprio scontro tra titani. Durante quest’ultimo libro succedono veramente tante, troppe cose e a volervi spiegare tutto quello che mi ha colpito o tutto quello che mi ha distrutto dentro rischio di fare solo degli enormi spoiler. Ovviamente i colpi di scena non mancano e, avendo letto già i libri precedenti sapete a cosa andate incontro. Ho amato la conclusione, ho amato come si è risolta la parte di storia riguardante Niah e tutto ciò che la circonda (chi ha letto sa). L’unica e dico davvero unica cosa che non mi ha fatta impazzire è stata la fine fine.

Conclusione degna di una trilogia che mi ha strappato un pezzettino di cuore per tenerselo tra le sue pagine. Emozioni a più non posso e altrettante lacrime. Non si può non dare 5 stelline a Jay Kristoff.

Chi come me aspetta Empire of the Vampire? Jay ha detto che troveremo personaggi un po’ nello stile di Adonai (solo perché vampiri) e io davvero non vedo l’ora!

2 commenti su “Nevernight: Alba Oscura, Jay Kristoff – Recensione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: