Blog Tour: Il Filo Avvelenato, Laura Purcell – La Prigionia

Annunci

Ciao lettori, come state? Vi porto, oggi, un’interessante articolo su la prigionia, in Inghilterra, durante la prima metà dell’Ottocento, tema molto forte e importante ne Il Filo Avvelenato. Prima di iniziare vorrei ringraziare Ylenia di Reine des Livres per aver organizzato l’evento e la casa editrice per aver fornito la copia digitale dell’opera.

Trama

Gran Bretagna, prima metà dell’Ottocento. Dorothea Truelove è giovane, bella e ricca. Ruth Butterham è giovane, ma povera e consumata da un segreto oscuro e terribile. Un segreto che rischia di condurla alla forca. I loro destini si incrociano alla Oakgate Prison, dove Ruth è rinchiusa in attesa di processo per omicidio e dove Dorothea si dedica ad attività caritatevoli; soprattutto, qui la ragazza trova il luogo ideale per mettere alla prova le neonate teorie della frenologia – secondo cui la forma del cranio di una persona spiega i suoi peggiori crimini – che tanto la appassionano. L’incontro con Ruth fa però sorgere in lei nuovi dubbi, che nessuna scienza è in grado di risolvere: è davvero possibile uccidere una persona usando solo ago e filo? La storia che la prigioniera ha da raccontare – una storia di amarezze e tradimenti, di abiti belli da morire – scuoterà la fede di Dorothea nella razionalità e nel potere della redenzione. Per tutti gli amanti della letteratura gotica, un racconto da brivido dedicato al male celato dietro il volto dell’innocenza.

Editore: Mondadori

Data di Pubblicazione: 21 Settembre 2021

Pagine: 420

Prezzo: 20,00€

Come si intuisce già dalla trama la prigione è un luogo molto importante per le due protagoniste. Dorothea, vi si reca per diverse attività caritatevoli, tanto da essere una delle principali finanziatrici del rinnovo della struttura, e da visitare spesso le sue occupanti per far loro compagnia e dar modo di sfogare le proprie frustrazioni e redimersi. Ruth, invece, è una delle sue occupanti, anche se prima di quel luogo, ha visto realtà ben peggiori e miserabili.

Dalla lettura del romanzo si evince che esistono due tipi di prigioni: quella per debitori, e quella per veri e propri criminali. La prigione per debitori è la più squallida delle due, lì le persone sono destinate a morirci dal momento che devono pagare per poter utilizzare anche i propri effetti personali, vivono in situazioni di sovraffollamento e precarie situazioni igieniche e alimentari; inoltre non c’è divisione tra uomini e donne. La prigione per criminali, invece, è di tutt’altro calibro. Oltre ad esserci due diverse zone per i detenuti maschi e femmine, ognuno di loro ha delle celle private, c’è un’infermeria, una mensa, e la sartoria dove le detenute possono svagarsi attraverso ago e filo. Le detenute sono inoltre tenute a pulire le proprie aree in modo da sviluppare in loro la diligenza e il duro lavoro. Essendo la prima metà dell’Ottocento, inoltre, i motivi per l’incarcerazione possono essere i più svariati, come anche il tentato suicidio.

Parlando di Ruth, vi ho detto che effettivamente lei ha vissuto realtà ben peggiori della galera, ed effettivamente è così. Prima di essere accusata di omicidio, infatti, lavorava come apprendista da una sarta in cui le condizioni di vita erano ben peggiori. Pasti miseri, orari di lavoro assurdi, letti che in realtà erano pagliericci, indumenti che non tenevano caldo, ma soprattutto pene corporali al minimo sbaglio, sì, perché all’epoca per i padroni era consuetudine – addirittura legale – picchiare i propri apprendisti.

Blog Tou: Unravel the Dusk, Elizabeth Lim – La Società

Annunci

Ciao lettori, come state? Oggi sono qui per parlarvi del secondo capitolo di questa trilogia che ho apprezzato veramente tanto! Dato che per questo evento ho partecipato soltanto al blog tour, al più presto vorrei portarvi anche le recensioni dei due romanzi, spero di riuscire a stabilizzarmi un po’ a ottobre e riprendere un po’ la mano e la coerenza, sia con i post su IG che con gli articoli qui sul blog! Ma adesso bando alle ciance, e iniziamo con l’articolo. Colgo solo – un attimo – l’occasione per ringraziare ancora una volta Ylenia di Reine des Livres per aver organizzato l’evento e la casa editrice per aver fornito la copia digitale dell’opera.

Trama

MAIA TAMARIN HA GIÀ dimostrato di essere la più abile sarta del paese. Ha sbaragliato gli altri concorrenti nella gara con cui l’imperatore ha scelto il nuovo sarto imperiale. Ha viaggiato fino ai confini del mondo per procurarsi la risata del sole, le lacrime della luna e il sangue delle stelle. E con questi tesori ha cucito tre abiti magici, ciascuno degno di una dea. Ma le prove per lei non sono ancora terminate.

Al ritorno dal suo viaggio, il regno è sull’orlo della guerra e Edan, il ragazzo che ama, è sparito. Forse per sempre.

La guerra che impazza non è niente a confronto della battaglia che Maia combatte contro se stessa. Da quando è stata marchiata dal demone Bandur non è più la stessa…

La posta in gioco è più alta che mai, ed è solo questione di tempo prima che Maia si perda completamente. Ma non si fermerà davanti a nulla pur di ritrovare Edan, proteggere la sua famiglia e garantire al suo paese una pace duratura.

Editore: Mondadori

Data di Pubblicazione: 31 Agosto 2021

Pagine: 348

Prezzo: 20,00€

Essendo che l’autrice si è concentrata maggiormente sulla trama, sistema magico e cucito/moda, della società in cui tutto è ambientato non ha parlato più del necessario. Sappiamo che la società è ispirata principalmente da quella della Cina Imperiale, quindi con Imperatore (ma dai), e tutto il seguito tra guardie, eunuchi e nobiltà. Non dimentichiamo inoltre che si tratta di una società di tipo patriarcale, non per niente Maia ha dovuto fingere di essere uomo nel primo romanzo; le donne non potevano fare lavori di rilievo, tant’è che potevano diventare al massimo cucitrici, ma mai delle vere e proprie sarte.

L’imperatore possiede diversi palazzi, nei quali si sposta insieme al mega gruppo della servitù ad ogni stagione. Questa è una cosa super carina, tra abitudini del tempo, che mi ha sempre affascinata e incuriosita, e sono super contenta di aver visto parlare di questo evento anche nel romanzo.

Parte di questa società, anche se non integrante, sono anche gli stregoni (come vi dicevo, l’aspetto fantasy/magico ha forte importanza all’interno di questa storia). Dico parte non integrante perché stiamo parlando sempre di una società altamente superstiziosa, di conseguenza non da tutti gli stregoni sono visti di buon’occhio, anzi, ce ne sono pochi in circolazione, ed essendo un po’ come geni della lampada solo chi ha particolari interessi o mire vi si accosta. Questo anche per il lato oscuro del potere dei maghi, per loro è molto facile cambiare e diventare demoni.

Blog Tour: L’impero del Vampiro, Jay Kristoff – L’autore

Annunci

Ciao lettori, come va? Oggi inizia il blog tour di quello che, per me, è in assoluto il romanzo più atteso dell’anno: L’Impero del Vampiro di Jay Kristoff. Essendo il primo articolo del tour, vi parlerò dell’autore, chiamato da tutti (o quasi) Zio Jay. Io l’ho conosciuto con la trilogia di Nevernight, e dopo aver partecipato al firma copie (bei tempi) di Roma e aver assistito a varie interviste, sono totalmente e indissolubilmente caduta morta e innamorata di lui, e una storia sui vampiri scritta da lui doveva assolutamente essere mia.

Trama

Dall’autore delle “Cronache di Nevernight”, una nuova serie. Sono passati ventisette lunghi anni dall’ultima alba. Per quasi tre decenni, i vampiri hanno mosso guerra all’umanità; hanno costruito il loro impero eterno, a costo di demolire il nostro. Ormai, solo poche minuscole scintille di luce resistono in un mare di oscurità. Gabriel de Leon, metà uomo, metà mostro e ultimo dei Santi d’argento – confratello nonché una delle migliori spade del sacro Ordine d’argento, dedito a difendere il regno dalle creature della notte -, è tutto ciò che si frappone tra il mondo e la sua fine. Imprigionato dagli stessi mostri che ha giurato di distruggere, è costretto a raccontare la sua storia. Una storia di battaglie leggendarie e amore proibito, di fede perduta e amicizie trovate, della guerra del Re Sempiterno e della ricerca dell’ultima speranza rimasta all’umanità. Il Sacro Graal.

Editore: Mondadori

Data di Pubblicazione: 14 Settembre 2021

Pagine: 720

Prezzo: 25,00€

Partiamo dagli inizi, quindi, Jay Kristoff è un autore, australiano, di romanzi fantasy e sci-fi. Nato e cresciuto a Perth, è laureato in lettere, e ha lavorato una decina d’anni in campo pubblicitario prima di iniziare la sua carriera da scrittore.

Il suo primo romanzo è infatti Stormdancer, della trilogia The Lotus War, uscito nel 2012 e candidato a numerosi premi tra cui Aurealis Awards e David Gemmell Awards. La serie, dai tratti steampunk, prende ispirazione dal Giappone dell’era Tokugawa.

La seconda serie a cui si è dedicato è quella de The Illuminae’s Files, scritta a quattro mani con Amie Kaufman, che ha visto la pubblicazione del primo romanzo nel 2015 (e nella sua edizione italiana nel 2016). Questa volta i premi vinti sono davvero numerosi, tra cui l’Aurealis Award, il Gold Inky Award e l’Australian Book Industry Award.

In ordine cronologico abbiamo poi, The Nevernight Chronicles, nel 2016 e Lifel1k3 nel 2018 che hanno permesso all’autore di vincere altri Aurealis Award. La trilogia di Nevernight è stata portata anche in Italia, per intero, lo stesso giorno dell’uscita internazionale del terzo romanzo, nel 2019.

Nel 2019 ha avuto inizio anche un’altra trilogia, scritta sempre a quattro mani con Amy Kaufman, chiamata The Aurora Cycle, il cui ultimo romanzo uscirà proprio quest’anno! Il primo romanzo, Aurora Rising, è stato pubblicato anche in Italia nel 2020.

Ultimo, ma non per importanza, abbiamo poi Empire of the Vampire, in uscita domani per la prima volta sia nella sua edizione originale che in quella italiana!

I diritti per una trasposizione cinematografica di alcuni dei suoi romanzi sono stati già venduti, ma attualmente non abbiamo alcuna informazione ufficiale su eventuali film o serie tv, se non per Aurora Rising in cui Jay e Amy saranno Consulting Producers; e una miniserie uscita su YouTube di Nevernight di cui potete vedere il trailer qui.

Di seguito la biografia che si trova sul sito ufficiale di Jay Kristoff!

Jay Kristoff is a #1 international, New York Times and USA Today bestselling author of fantasy and science fiction. He is the winner of eight Aurealis Awards, an ABIA, has over one and a half a million books in print and is published in over thirty five countries, most of which he has never visited. He is as surprised about all of this as you are. He is 6’7 and has approximately 11,500 days to live.

Spero tanto che questa mia presentazione di Zio Jay e dei suoi libri vi sia piaciuta, qui sotto trovate le tappe delle mie colleghe, buona lettura!

Blog Tour: Spin the Dawn, Elizabeth Lim – La magia all’interno del romanzo

Annunci

Ciao lettori! Dal 31 Agosto hanno le pubblicazioni libresche super interessanti, e quindi eccomi qui di nuovo con tanti articoli nuovi, tra blog tour e recensioni! Iniziamo subito con una delle letture che attendevo di più quest’anno, anche se non l’unica, Spin the Dawn!

Trama

Maia Tamarin lavora come cucitrice nella bottega del padre, un tempo rinomato sarto. Ciò che desidera è diventare la migliore sarta del paese, ma sa che come donna il massimo cui può ambire è un buon matrimonio. Quando un messaggero reale convoca a corte il padre, gravemente malato, Maia finge di essere suo figlio e si reca al Palazzo d’Estate al suo posto. Sa che perderebbe la vita se venisse scoperta, ma correrà il rischio per salvare la famiglia dalla rovina e diventare sarta imperiale. C’è però un problema: Maia è solo una dei dodici che aspirano all’incarico. E nulla avrebbe mai potuto prepararla alla sfida che la attende: cucire tre abiti magici per la promessa sposa dell’imperatore, uno intessuto con la risata del sole, uno ricamato con le lacrime della luna e uno dipinto con il sangue delle stelle. In compagnia di Edan, il misterioso stregone di corte, i cui occhi penetranti sembrano vedere oltre il suo travestimento, Maia intraprenderà un viaggio che la porterà fino agli estremi confini del regno, alla ricerca del sole, della luna e delle stelle. Ma troverà qualcosa che non avrebbe potuto mai immaginare…

Editore: Mondadori

Data di Pubblicazione: 31 Agosto 2021

Pagine: 396

Prezzo: 20,00€

La magia in questo romanzo è semplice, e allo stesso tempo particolare. Non tutti possono utilizzarla, ma si deve avere una particolare predisposizione per esse. C’è inoltre la possibilità di utilizzarla in maniera abbastanza easy, se mi permettete il termine, ma anche di fare un vero e proprio addestramento per diventare stregoni.

Un’elemento molto importante che ho riscontrato nel romanzo, relativo alla magia, è la contrapposizione tra Cielo e Terra presente nella leggenda di Amana. Dovete sapere che questo, proprio in generale, è un tema molto importante nella mitologia cinese, ed è stato molto bello e interessante il modo in cui sia stato riportato all’interno del romanzo.

Abbiamo quindi 3 modi in cui la magia ci viene mostrata durante la lettura: oggetti magici, stregoni e demoni. Gli oggetti magici possono essere utilizzati soltanto da chi ha una speciale e particolare propensione per la magia, proprio come vi dicevo più sopra; se si ha questa propensione è anche possibile essere addestrati come stregoni, i quali hanno una vita molto lunga, ma sfortunatamente vissuta un po’ come fanno i geni della lampada; e in determinate, gravissime, circostante uno stregone può anche diventare demone.

Durante la lettura si approfondiscono bene le prime due tipologie, mentre la terza sarà sicuramente approfondita nel secondo romanzo della duologia, che io assolutamente non vedo l’ora di leggere per poter stare di nuovo con questi personaggi e in questa storia.

Le cose da dire sono sicuramente molte di più, ma non vorrei cadere in spoiler super gravi! Vi rimando perciò agli articoli super interessanti delle mie colleghe. Alla prossima!

Blog Tour: Sette Minuti dopo la Mezzanotte, Patrick Ness – La famiglia e il loro rapporto

Annunci

Ciao lettori! Eccomi oggi con un nuovo articolo, questa volta si tratta di un Blog Tour molto interessante in cui si parla di famiglia! Prima di iniziare voglio ringraziare Ylenia di Reine des Livres per aver organizzato l’evento e la casa editrice per averci fornito la copia digitale dell’opera.

Trama

Una notte di luna e brezza leggera, il piccolo Conor si sveglia di colpo sentendo bussare alla finestra della sua cameretta. Terrorizzato, allunga l’orecchio per cogliere qualche rumore sospetto dal piano di sotto. Nulla. Sono passati sette minuti dalla mezzanotte. L’ora in cui i mostri sono in agguato. D’un tratto, Conor sente chiamare il suo nome e il panico lo invade: potrebbe essere l’apparizione spaventosa che da giorni lo tormenta nel sonno, l’incubo che viene a trovarlo da quando sua madre ha iniziato le cure mediche. Un’entità fatta di tenebra, di vortici, di urla… Ma questo mostro è un po’ diverso. Non ha artigli o denti aguzzi: è semplicemente un albero. Antico e selvaggio, come una storia perduta e indomabile. Il mostro è pronto a stringere un patto con Conor: nelle notti successive gli narrerà tre storie, di quelle che aiutano a uccidere i draghi nascosti nel profondo di ciascuno di noi, storie che spingono ad affrontare le paure più grandi. Ma in cambio la creatura misteriosa vuole da lui una quarta storia, che deve contenere e proteggere la cosa più pericolosa di tutte: la verità. Con grazia struggente, Patrick Ness dà vita a un racconto sincero ed emozionante, un potente romanzo di formazione, ruvido e accecante come un diamante grezzo, capace di illuminare di un’unica luce il bene e il male e toccare il cuore del bambino che ognuno di noi è stato.

Editore: Mondadori

Data di Pubblicazione: 22 Giugno 2021

Pagine: 240

Prezzo: 10,50€

La situazione di Conor non è per niente facile, solo ad accudire una madre in cura e con il padre dall’altra parte dell’oceano che si è rifatto una nuova vita, ma anche una nuova famiglia. Come tutti i bambini di questa età e che affrontano situazioni del genere, crede ancora nel padre e nella possibilità di raggiungerlo nella sua nuova casa, ma ahimè i suoi piani non sono condivisi da tutti.

In un momento in cui la malattia della madre peggiora, Conor si vede invaso la casa dalla nonna, un’entità per lui estranea e difficile da accettare dal momento che ha un carattere un po’ particolare. Non dimentichiamo, però, che anche lei sta vivendo un momento difficile della sua vita, nessun genitore dovrebbe sopravvivere ai figli, e soprattutto nessuno deve temere che questo succeda. La nonna infatti è uno dei personaggi più diversi di questa storia, porta dentro un forte dolore, ma si ostina a voler agire come una donna di ghiaccio, è anche per questo che per Conor è difficile empatizzare e creare un rapporto con lei, arrivando a vederla un po’ come un nemico.

Il rapporto che invece ha con la madre io ritengo sia veramente un sacco speciale. Nonostante le difficoltà si percepisce proprio che c’è un amore immenso tra i due. La base di questo meraviglioso romanzo, il tema proprio da cui scaturisce tutto. Ho veramente adorato ogni cosa e penso che il mondo abbia bisogno di più romanzi come questo, e di più amori come questo.

Blog Tour: Sogni di Mostri e Divinità, Laini Taylor – La trilogia nel panorama fantasy

Annunci

Ciao lettori! Torno a parlarvi dell’ultimo capitolo di questa fantastica trilogia, non sotto forma di recensione, ma per come vedo questi romanzi all’interno del panorama fantasy, paragonandoli, quindi, ad alcune delle mie letture a tema. Prima di iniziare voglio ringraziare ancora una volta Ylenia di Reine des Livres per aver organizzato l’evento e la casa editrice per averci fornito la copia digitale dell’opera.

Trama

La misteriosa Karou è una chimera unica nel suo genere: al contrario dei suoi simili, l’eroina de la trilogia La chimera di Praga ha sembianze umane, impreziosite da meravigliosi capelli blu. È innamorata di Akiva, un serafino dalla bellezza eterea. Angeli e chimere sono però nemici naturali, in lotta da secoli. C’è solo un modo per ristabilire la pace: tentare un’alleanza fra le chimere e quegli angeli che, come Akiva, hanno deciso di ribellarsi al loro imperatore.
In questo terzo e conclusivo capitolo della saga entriamo subito nel vivo dell’azione: l’esercito degli angeli discende sulla Terra, in pieno giorno, in una Roma sfolgorante di sole, con uno stuolo di telecamere intente a riprendere e un pubblico sbalordito a osservare la scena. Nel frattempo, dopo il tradimento che ha portato la sua specie allo stremo, Karou sta ricostruendo l’esercito delle chimere e, grazie a un inganno ingegnoso, è ora alla guida della ribellione contro gli angeli. Il futuro della sua specie dipende da lei, ed è giunto il momento dello scontro finale. Riusciranno Karou e Akiva a realizzare il sogno di una realtà in cui i loro popoli smettano di distruggersi e in cui, forse, potrebbe esserci spazio per il loro amore?
Con queste pagine mozzafiato, caratterizzate da una tensione costante e una serie di personaggi indimenticabili, Laini Taylor conferma il suo grande talento.
Un finale stupefacente per una trilogia fantasy davvero epica, una suggestiva rivisitazione moderna della mitologia classica e cristiana che ha appassionato milioni di lettori in tutto il mondo.

Editore: Fazi Editore

Data di Pubblicazione: 20 Maggio 2021

Pagine: 572

Prezzo: 13,00€

Ho deciso di strutturare questo articolo una maniera un po’ diversa dal solito, anche perché è la prima volta che scrivo un articolo del genere 😂 Voglio prendere alcuni elementi di questo romanzo, quelli che mi hanno colpita o fatto riflettere di più, e confrontarli con elementi “simili” di altri romanzi.

Un elemento che caratterizza questo romanzo, e che è praticamente alla base di tutto è, a mio parere, la guerra, la lotta quasi eterna tra serafini e chimere. Per questa guerra sono state fatte cose realmente abominevoli, nelle macchinazioni dei “potenti” nulla ha valore, nemmeno i civili, che fino a poco prima sono sempre stati esclusi e salvaguardati, preservati da questa orribile realtà e da questi pericoli. L’imperatore dei serafini, però, a un certo punto, non è più della stessa idea. Questa situazione mi ha fatto molto pensare a quello che succede ne La Guerra dei Papaveri, perché è proprio come lo stato nemico si comporta con l’Impero, distruggendo intere città e massacrando migliaia di civili. Per Mugen le persone non contano e sono sacrificabili così come per Joram gli Illegittimi valgono meno di 0 e sono più che sostituibili. La differenza sta nel fatto che i soldati di Mugen hanno assorbito la stessa ideologia dei loro superiori, mentre i serafini a un certo punto si ribellano perché non hanno mai accettato il poco valore che viene dato alle loro vite.

Allo stesso tempo la resurrezione delle chimere mi ha fatto un po’ pensare alla tregua dei vent’anni che si legge all’interno di Truthwitch. Questa idea me l’ha fatta venire in mente in particolare il disegno realizzato da Karou sulla guerra, prima di riavere i suoi ricordi da Madrigal, che viene citato nell’ultimo romanzo della trilogia. L’immagine che ci viene presentata è quella di due persone sedute a un tavolo che mangiano dalle rispettive ciotole, quello che mangiano è il “popolo” dell’altro e “vince” il primo che svuota la ciotola. Karou osserva che è come se loro “barassero” dal momento che la ciotola nn si svuota soltanto, ma viene anche riempita, in continuazione. Quindi sì, anche per loro la guerra è fissa, costante, vita, ma allo stesso tempo non rappresenta anche la morte, come invece è per i serafini, le cui fila inevitabilmente si sfoltiscono. Questa situazione per me può essere vista anche un po’ come una tregua per le chimere, che in ogni caso continuano a vivere, a reincarnarsi, loro in qualche modo possono respirare e andare avanti perché nulla è davvero definitivo.

Altro elemento alla base di questo romanzo è la storia d’amore tra Akiva e Karou, un insta-love a tutti gli effetti, ma che non può permettersi assolutamente di essere paragonato alla maggior parte degli insta-love che leggiamo nei romanzi fantasy e non (qui parla un’amante degli enemies-to lovers). La particolarità di questo romanzo secondo me è che questo insta-love si ripete, c’è un incontro di anime prima che di carne, anche senza conoscere le vere e rispettive identità, nonostante un inizio un po’ travagliato Karou e Akiva provano un’attrazione e un’elettricità da paura, sempre e comunque, ancora e ancora.

Non mi piace fare classifiche e dire questo è meglio di quello e simili, ma a mio parere la trilogia della Chimera di Praga si posiziona veramente in alto nella scala dei romanzi fantasy. Affronta tantissimi temi importanti (non dimentichiamoci del razzismo) e lo fa in maniera unica ed eccezionale.

Blog Tour: La città di Sabbia, Laini Taylor – Confronto tra Karou e Madrigal

Annunci

Ciao lettori! Ultimamente sembra che la nuvola di Fantozzi sia su di me, perché sono tornata a latitare e il mio telefono è morto, e ancora non so quando riuscirò a mettere le mani su uno nuovo :/ ma spero al più presto! Torno oggi, per parlarvi nuovamente della trilogia della Chimera di Praga, e in particolare per affrontare un argomento un po’ spinoso (e spoiler per chi non ha terminato la lettura del primo romanzo, ma anche un po’ per chi non ha letto il secondo), ossia il confronto tra Karou e Madrigal.

Trama

La studentessa d’arte Karou ha finalmente le risposte che ha sempre cercato. Sa chi è e cosa è. Ma, insieme a questa scoperta, un’altra verità affiora in superficie, una realtà che la ragazza farebbe di tutto pur di ignorare: ha amato un ragazzo che le è nemico, lui l’ha tradita e per questo il suo mondo è sconvolto. Ora, in una kasbah dimenticata nel deserto del Marocco, Karou e i suoi alleati si preparano a uno scontro definitivo contro l’armata dei serafini e sotto la luce delle stelle plasmano creature di potente forza distruttiva. Akiva, legato dall’appartenenza all’esercito degli angeli, ma gravato da un profondo conflitto interiore, inizia a progettare un altro tipo di battaglia: quella per il riscatto. Per la speranza.

Editore: Fazi Editore

Data di Pubblicazione: 20 Maggio 2021

Pagine: 476

Prezzo: 13,00

Prima di confrontare i personaggi, vorrei brevemente presentarveli: Karou è una ragazza umana che vive a Praga, studia all’accademia d’arte e che, allo stesso tempo, lavora per Sulphurus, una chimera che fabbrica desideri; Madrigal è una chimera soldato dalle ali di pipistrello e le corna da antilope, e anch’essa, nella sua vita, si trova a lavorare da Sulphurus. Cosa hanno in comune queste due ragazze? Sono la stessa persona, solo che Karou è Madrigal da ritornata, anche se, all’inizio lei non ricorda nulla della propria vita da Madrigal.

È quando spezza l’osso del desiderio e riacquisisce i suoi ricordi che qualcosa in Karou cambia. Dopo aver ricordato i suoi ultimi momenti da Madrigal nasce in lei la consapevolezza e la prospettiva con cui ha sempre visto Sulphurus, il suo trattamento e le missioni che le affidava le fanno scaturire un affetto immenso per lui, maggiore di quello che già provava dal momento che si rende conto di cosa ha fatto per lei, della sua trasgressione.

Karou, quindi è Madrigal, ma le sue reazioni sono ispirate dalla sua vita umana e dai lussi della pace, e cose che per Madrigal magari sono scontate, possono ancora scuotere Karou. I suoi due io si uniscono con una strana specie di vibrazione.

Ogni volta, era come ricadere a ritroso nel corpo di Madrigal. Non si era mai sentita più chimera di quel primo istante in cui aveva scorto Ziri, e mai più umana di quello successivo, quando le era precipitato addosso quello che era adesso. Non era deludente. Lei era lei. Era soltanto appena un po’ sconcertante, una breve vibrazione tra due io che sarebbero sempre stati separati, come due tuorli in un unico guscio.

Karou e Madrigal, in definitiva, sono uguali, ma allo stesso tempo diverse. Hanno un sacco di tratti caratteriali in comune, ma le vite diverse che hanno vissuto le fa percepire come due entità quasi diverse.

Una cosa che mi ha colpita molto è stata che Madrigal aveva una propensione per il disegno, e fin da bambina Karou è stata spinta ad avere un album tra le mani. In uno scherzo tra Madrigal e Sulphurus, la ragazza ha detto di voler far diventare i propri capelli blu, cosa che effettivamente la Karou umana decide di fare. Ed entrambe, inesorabilmente, si innamorano della stessa persona.

È questo, secondo me, che rende questi due personaggi tanto uguali, ma che soprattutto ci aiuta a identificarli come un’unica persona.

Blog Tour: I migliori amici di Georgia – Loveless, Alice Oseman

Annunci

Ciao lettori! Eccomi oggi con un nuovo articolo dedicato al meraviglioso mondo creato da Alice Oseman. La lettura più recente che ho fatto di quest’autrice è stata Loveless, per cui oggi vi voglio parlare un po’ meglio di quelli che sono i migliori amici di Georgia, la protagonista. Prima di iniziare vorrei ringraziare ancora una volta Ylenia di Reine des Livres per aver organizzato l’evento e la casa editrice per aver fornito la copia digitale dell’opera.

Trama

Georgia ama le storie d’amore. Tutte. Da sempre. E crede nella magia dell’amore raccontata nei film, nei libri e nelle fanfiction romantiche da cui è ossessionata. Eppure, a diciotto anni, non ha mai baciato nessuno e non ha mai avuto nemmeno una cotta di quelle folli. Ma, come le dicono i suoi migliori amici Pip e Jason, prima o poi anche lei troverà la persona giusta. Così si dice, no? L’inizio dell’università, in una città che non conosce, lontana da casa, sembra l’occasione perfetta: incontrerà persone nuove, vivrà nuove esperienze e finalmente anche lei imparerà a godersi le farfalle nello stomaco di cui parlano tutti. E poi Georgia ha un piano. Con l’aiuto della sua esuberante compagna di stanza Rooney, che come lei ha una passione smisurata per Shakespeare, riuscirà a realizzare il suo sogno, forse. Ma quando finisce in mezzo a una personalissima commedia degli errori che crea il caos tra i suoi amici di sempre, Georgia inizia a domandarsi perché l’amore sembri così facile per tutti tranne che per lei. Quando poi le appioppano definizioni mai sentite come asessuale o aromantica, incertezza e confusione aumentano a dismisura. Che sia davvero destinata a restare senza amore? O forse, per tutti questi anni, si è tanto affannata a inseguire la cosa sbagliata? E poi, chi lo dice che quello romantico, alla fine, sia l’unica forma possibile di vero amore? 

Editore: Mondadori 

Data di Pubblicazione: 18 Maggio 2021

Pagine: 384

Prezzo: 19,00€

Fin dalla prima pagina è stato chiarissimo chi fossero le persone importanti nella vita di Georgia: Felipa Quintana, conosciuta da tutti come Pip, e Jason Farley-Shaw! Georgia ha conosciuto i due grazie al club di teatro, sua più grande passione.

Pip è una ragazza lesbica, latino americana super casinista e disordinata è la persona in assoluto a cui Georgia tiene di più, e sono indispensabili l’una per l’altra! Pip è anche una di quelle persone che ha delle antipatie/amori a prima vista, e una volta che si mette qualcosa in testa è difficilissimo farle cambiare idea; questo la porta anche ad essere parecchio rancorosa: se fai un torto a Pip Quintana, faresti meglio a fuggire in un altro paese.

Jason è il classico bravo ragazzo e bravo amico della porta accanto, quello a cui faresti mantenere/controllare il tuo drink in discoteca senza pensarci due volte. Il rapporto tra Georgia e Jason è bellissimo, ma anche un po’ complicato dal momento che lui ha sempre avuto una super cotta segreta per lei (ops). Anche se inizialmente si presenti come un personaggio timido, ma anche alla mano in contesti sociali, durante suo percorso universitario decide di impegnarsi e mettersi alla prova iscrivendosi al club di canottaggio.

Durante la lettura però vediamo Georgia conoscere anche nuove persone, e stringere nuove amicizie ugualmente forti e importanti. Tuttavia non voglio approfondire questo lato delle sue amicizie per evitare di fare spoiler a chi ancora non ha letto il romanzo, ma desidera soltanto un’infarinatura sui personaggi che andranno a incontrare!

Blog Tour: La Chimera di Praga, Laini Taylor – Praga

Annunci

Ciao lettori! Eccomi con un nuovo articolo, stavolta non si tratta di una recensione ma di un meraviglioso blog tour dedicato all’ambientazione del romanzo, la meravigliosa città di Praga! Ma adesso bando alle ciance e iniziamo! Prima però vorrei ringraziare Ylenia di Reine des Livres per aver organizzato l’evento e la casa editrice per aver fornito la copia digitale dell’opera.

Trama

Karou ha 17 anni, è una studentessa d’arte e per le strade di Praga, la città in cui vive, non passa inosservata: i suoi capelli sono di un naturale blu elettrico, la sua pelle è ricoperta da un’intricata filigrana di tatuaggi, parla più di venti lingue e riempie il suo album da disegno di assurde storie di mostri. Spesso scompare per giorni, ma nessuno sospetta che quelle assenze nascondano un oscuro segreto. Figlia adottiva di Sulphurus, il demone chimera, la ragazza attraversa porte magiche disseminate per il mondo per scovare i macabri ingredienti dei riti di Sulphurus: i denti di ogni razza umana e animale. Ma quando Karou scorge il nero marchio di una mano impresso su una di quelle porte, comprende che qualcosa di enorme e pericoloso sta accadendo e che tutto il suo universo, scisso tra l’esistenza umana e quella tra le chimere, è minacciato. Ciò che si sta scatenando è il culmine di una guerra millenaria tra gli angeli, esseri perfetti ma senz’anima, e le chimere, creature orride e grottesche solo nell’aspetto esteriore; è il conflitto tra le figure principi del mito cristiano e quelle dell’immaginario pagano. Nel disperato tentativo di aiutare la sua “famiglia” Karou si scontra con la terribile bellezza di Akiva, il serafino che per amore le risparmierà la vita.

Editore: Fazi Editore

Data di Pubblicazione: 20 Maggio 2021

Pagine: 384

Prezzo: 13,00€

Per quanto la vita di Karou sia frenetica e pendolare, la sua vita da “umana” si svolge da diversi anni principalmente a Praga. Città in cui studia e in cui ha le sue, seppure poche, amicizie strette. Ho trovato la scelta di questa città come sfondo per la storia, perfetta, perfetta soprattutto per la sua ricca storia artistica. A partire da una delle architetture più variegate al mondo e da un centro storico che è addirittura divento patrimonio dell’Unesco, una vera e propria perla artistica e culturale per la moltitudine di stili che si possono incontrare. Insomma, ripeto, perfetta per un personaggio come Karou per cui l’arte è praticamente uno stile di vita, oltre che il pane quotidiano.

Una delle zone che Karou frequenta maggiormente è il Poison Kitchen, un cimitero abbandonato che ha preso le sembianze di un locale!

“La chiesa un tempo unita a questo monastero medievale bruciò circa trecento anni fa, ma ne restano gli alloggi dei monaci e sono stati trasformati nel caffè più strano che si possa trovare al mondo, popolato di statue classiche che esibiscono la collezione di maschere antigas della prima guerra mondiale appartenente al proprietario. La leggenda narra che, nel Medioevo, il cuoco perse la ragione e assassinò l’intero monastero con un calderone di goulash avvelenato, da cui il macabro nome del caffè e il suo piatto forte: goulash, naturalmente. Sedete su un divano di velluto e appoggiate i piedi su una bara. Gli scheletri dietro al bancone potrebbero appartenere ai monaci assassinati…”

Il locale è caratterizzato da una moltitudine di statue romane, divinità a grandezza naturale e ninfe che avevamo perso braccia e ali, tutte rigorosamente coperte da maschere a gas, e i tavolini sono delle vere e proprie tombe. Un po’ macabro, ma sarebbe stato super divertente visitare un posto del genere! Sfortunatamente il luogo non esiste, c’era un Poison Bar, ma su trip advisor dicono che è famoso soprattutto per il Karaoke, un vero peccato, anche se veramente ironico!

Blog Tour: Il Ritratto di Oscar Wilde

Annunci

Ciao lettori! Torno con gli eventi, e capirete anche voi che non potevo esimermi da questo in particolare; cioè, cosa non è Oscar Wild? Prima di iniziare volevo ringraziare Ylenia di Reine des Livres per aver organizzato l’evento e la casa editrice per aver fornito la copia digitale dell’opera.

Trama

Dal romanzo, con la storia di culto del “Ritratto di Dorian Gray”, al teatro, con commedie brillanti come “L’importanza di chiamarsi Ernesto”, fino alla favola e alla poesia: Oscar Wilde ha lasciato il suo segno – il segno del genio – in ogni genere della letteratura. Questo ricco volume raccoglie i suoi testi più amati, restituendo l’immagine a tutto tondo di un grande artista e un grande uomo.

Editore: Mondadori

Data di Pubblicazione: 13 Aprile 2021

Pagine: 696

Prezzo: 28,00€

Nell’articolo di oggi non troverete la recensione di tutti i romanzi contenuti nel Drago, ma vi parlerò soltanto dei due romanzi che ho scelto: De Profundis e Il fantasma di Canterville. Era dal liceo che volevo leggere le opere di Oscar Wilde, da quando lo studiai in inglese. Diversi anni fa riuscii a recuperare Il Ritratto di Dorian Gray, amandolo, ma si sa, ho un problema con i classici, e di conseguenza il mio recupero terminò lì. Capirete quindi che potevo farmi scappare questa meravigliosa occasione: edizione bomba da bookporn da una parte, romanzi che voglio leggere dall’anteguerra dall’altra. Un’occasione top!

Tra le due letture quella che ho preferito maggiormente è stata Il fantasma di Canteville, molto ironica e leggera, quando il De Profundis per i temi trattati risulta maggiormente prolisso e lento, ma non per questo meno interessante. Quest’ultimo, sotto forma di immensa lettera, aiuta tantissimo a capire e conoscere meglio i costumi dell’epoca, ma allo stesso tempo mi ha lasciata un po’ sconvolta per come Wilde si sia lasciato buttare giù e come si sia fatto sfruttare nei periodi raccontati nella lettera. Non capisco se fosse consuetudine del tempo, o se semplicemente si è fatto intortare, fatto sta che ci sono un po’ rimasta.

L’edizione è curata nei minimi dettagli e presenta all’interno: Oscar Wilde! di Max Beerbohm, Cronologia, Bibliografia essenziale e Nota Editoriale; seguiti dalle opere: Ravenna, Salome, Il fantasma di Canterville, Il Principe Felice, L’Usignolo e la Rosa, Il Gigante Egoista, La decadenza della menzogna, Il critico come artista, Il ritratto di Dorian Gray, Il delitto di Lord Arthur Savile, Il genetliaco dell’Infanta, Il ventaglio di Lady Windermere, La Sfinge, L’importanza di essere onesto, De profundis, La ballata del carcere di Reading. All’interno delle opere troviamo diverse illustrazioni che ho adorato, veramente molto ben fatte e super belle!

In fine, un’edizione bella dentro e fuori, super consigliata come regalo, ma anche a chi è amante dell’autore o a chi vuole approcciarsi ad Oscar Wilde per la prima volta. Approvatissima!

Blog Tour: La Stirpe della Gru, Joan He – L’Autrice

Annunci

Ciao lettori! Eccomi a parlarvi di nuovo di una delle cose che amo: gli autori! Questi esseri misteriosi che a volte sembra quasi non siano reali. Oggi dal cappello è uscita Joan He, autrice del tanto discusso La Stirpe della Gru.

Trama

La principessa Hesina di Yan ha sempre desiderato sfuggire alle responsabilità della corona, per vivere nell’anonimato. Ma quando il suo amato padre muore, viene gettata nell’arena dei giochi di potere e diventa all’improvviso sovrana di un regno incredibilmente instabile. Per di più, Hesina è convinta che il re sia stato ucciso, e che l’omicida sia qualcuno che le è molto vicino.
La corte è piena di ipocriti e delatori che non vedono l’ora di approfittare della morte del monarca per accrescere la propria influenza: ciascuno di loro potrebbe essere l’assassino.
I suoi consiglieri vorrebbero che Hesina accusasse il regno confinante di Kendi’a, il cui governante ha già radunato le truppe per la guerra. Determinata invece a trovare il vero colpevole e con qualche dubbio sulla fedeltà della sua stessa famiglia, Hesina compie un gesto disperato: si rivolge a un’indovina, il Giaggiolo argenteo. Un atto di tradimento, punibile con la morte, poiché la magia nel regno di Yan è da secoli vietata dalla legge.
Seguendo le parole della veggente, Hesina chiede aiuto ad Akira, un delinquente patentato dalla mente brillante e acuta, un detenuto che nasconde più di un segreto.
Il futuro del regno di Yan è in pericolo: riuscirà Hesina ad avere giustizia per suo padre? O il prezzo da pagare sarà troppo alto?

Editore: Mondadori 

Data di Pubblicazione: 19 Gennaio 2021

Pagine: 456

Prezzo: 22,00€

Allora lettori, rimbocchiamoci le maniche perché quello di Joan He è un altro caso di autrice misteriosa. Non ha una pagina Wikipedia dedicata, e le informazioni che troviamo su di lei sono pochissime, trovate solo sul suo sito e goodreads (dove oltre al romanzo in uscita a maggio The Ones Were Meant to Find, è segnato un ulteriore libro in uscita per il 2022).

Joan He è nata e cresciuta a Philadelphia ma, in alcune occasioni, è ancora capace di perdersi. Da giovane ha ricevuto un’istruzione classica sulla pittura ad olio, prima di scoprire che lo storytelling è la sua forma preferita di espressione. Ha studiato Psicologia e Lingue e Culture Est-Asiatiche all’Università della Pennsylvania e attualmente scrive a una scrivania che affaccia sul fiume Delaware (quindi sappiamo dove cercarla per andare a costringerla a scrivere il seguito de La Stirpe della Gru).

Sul sito dell’autrice troviamo poi una biografia non ufficiale che trovate tradotta, da me qui sotto:

– BIOGRAFIA NON UFFICIALE –

(poiché sono orribile nello scrivere biografie, avrete una lista di fatti)

– Come cinese americana di seconda generazione, sono stata cresciuta con una dieta a base cartoni e drama cinesi. Journey to the West è stato praticamente il mio Sponge Bob.

– La Città Incantata mi ha fatta entrare nel mondo delle fanfiction, da lì tutto il resto è storia.

– Spendo un malsano quantitativo di tempo a guardare video di foche su YouTube.

Blogtour Party: Piranesi, Susanna Clarke

Annunci

Ciao lettori! Penso che tutti ormai avrete sentito parlare di questo romanzo attesissimo praticamente da chiunque. E finalmente ECCOLO! Sì, perché esce proprio oggi in Italia, Piranesi di Susanna Clarke. L’articolo di oggi, avrete notate anche dal titolo, è un po’ diverso dal solito perché non sarà solo una recensione, ma nemmeno una tappa di blog tour, perché sarà una recensione con successivo approfondimento su un personaggio, nel mio caso: Sedici!

Trama

Piranesi vive nella Casa. Forse da sempre. Giorno dopo giorno ne esplora gli infiniti saloni, mentre nei suoi diari tiene traccia di tutte le meraviglie e i misteri che questo mondo labirintico custodisce. I corridoi abbandonati conducono in un vestibolo dopo l’altro, dove sono esposte migliaia di bellissime statue di marmo. Imponenti scalinate in rovina portano invece ai piani dove è troppo rischioso addentrarsi: fitte coltri di nubi nascondono allo sguardo il livello superiore, mentre delle maree imprevedibili che risalgono da chissà quali abissi sommergono i saloni inferiori.
Ogni martedì e venerdì Piranesi si incontra con l’Altro per raccontargli le sue ultime scoperte. Quest’uomo enigmatico è l’unica persona con cui parla, perché i pochi che sono stati nella Casa prima di lui sono ora soltanto scheletri che si confondono tra il marmo.
Improvvisamente appaiono dei messaggi misteriosi: qualcuno è arrivato nella Casa e sta cercando di mettersi in contatto proprio con Piranesi. Di chi si tratta? Lo studioso spera in un nuovo amico, mentre per l’Altro è solo una terribile minaccia. Piranesi legge e rilegge i suoi diari ma i ricordi non combaciano, il tempo sembra scorrere per conto proprio e l’Altro gli confonde solo le idee con le sue risposte sfuggenti. Piranesi adora la Casa, è la sua divinità protettrice e l’unica realtà di cui ha memoria. È disposto a tutto per proteggerla, ma il mondo che credeva di conoscere nasconde ancora troppi segreti e sta diventando, suo malgrado, pericoloso.

Editore: Fazi Editore

Data di Pubblicazione: 04 Febbraio 2021

Pagine: 268

Prezzo: 16,50€

La storia è veramente molto particolare. Il romanzo è sviluppato sotto forma di diario, Piranesi, il nostro protagonista ha l’abitudine di classificare tutto ciò che osserva e di annotare le proprie impressioni e pensieri su questo diario e noi siamo semplicemente spettatori di tutto ciò. Questa storia è molto particolare, è difficile da capire e infatti penso che non sia per tutti, anche se ritengo che tutti avrebbero bisogno di leggerla. È facile perdersi nonostante la semplicità del racconto, ma è facile anche ritrovare sé stessi in una sorta di incanto e serenità dati dai luoghi che ci troviamo a visitare.

Le descrizioni sono molto accurate, nonostante si tratti di un racconto in prima persona e segua il punto di vista del protagonista, Piranesi è così accorto e metodico nella sua raccolta di informazioni e nelle sue annotazioni, che quasi non si percepisce il limite dato da questo tipo di narrazione. Perdiamo, sì, alcune cose relative a quello che succede “dietro le quinte”, ma non avvertiamo disagi, buchi o dubbi perché siamo totalmente rapiti dai racconti del protagonista. Mi è capitato personalmente di perdermi un po’ tra i vari vestiboli, statue e saloni, perché Piranesi si concentra molto su quelli, ma da un lato penso sia un problema principalmente mio che tra queste cose e l’orientamento son proprio negata; dall’altro aiutano tantissimo a capire e a immedesimarsi meglio in quest’ambientazione super particolare e super bella.

Ammetto di avere super paura a parlare dell’ambientazione di questo romanzo perché, a mio parere, costituisce un immenso spoilerone. Vi dico quindi cose che, di base stanno anche un po’ nella trama. Ci troviamo nella Casa, la Casa è il nostro mondo ed è costituita da un’infinita di Vestiboli e Saloni, ogni di essi ha una parte superiore, di mezzo, e inferiore. Ma la caratteristica maggiore di questa casa è che la parte inferiore è invasa dal mare, e le maree spesso si trovano a inondare anche i piani intermedi. Questo delle maree è un altro dei temi ricorrenti nei diari di Piranesi, dal momento che lui studia proprio queste maree per sapere quando determinate aree saranno inondate in modo da sapere come stare sempre all’asciutto.

I personaggi sono tutti molto particolari e interessanti, quasi eccentrici. Si può addirittura dire che la casa e le statue facciano parte di essi. C’è molto da dire su tutti loro, in particolare sul protagonista che ha un’anima e un’essenza quasi infantile per la purezza che lo contraddistingue. Tuttavia le mie colleghe hanno approfondito abbondantemente tutti i personaggi che ci troviamo davanti la storia, per cui mi limiterò a parlarvi di Sedici. Sedici è un personaggio che all’inizio non è nella casa, ancora non conosce la strada per arrivarci, ma viene “presentata” a Piranesi dall’Altro come una persona malvagia, che ha intenzione di farlo diventare pazzo e che non deve assolutamente ascoltare quello che potrebbe dire se vuole evitare. Tuttavia trovi altri modi per comunicare con lui, molto creativi, e che sono impossibili da evitare per lui, tanto che sono “immediati”. Lui inizialmente segue il consiglio dell’Altro, suo unico amico e compagno, tuttavia a suo modo viene attratto da quest’altra persona viva, astuta che entra nella Casa e vorrebbe capire meglio le sue intenzioni.

In fine, è molto difficile parlare di questo romanzo. È semplice e complesso allo stesso tempo. Nella mia mente ci sono un sacco di idee confuse in merito, allo stesso tempo, però, ci sono idee molto chiare a riguardo, ma difficili da spiegare. È un romanzo veramente particolare, ripeto che probabilmente non tutti lo capirebbero, probabilmente nemmeno io l’ho capito a pieno e ho tutte le intenzioni di fare una rilettura. A suo modo, nella sua semplicità e nel suo modo particolare di esistere e di spiegarsi, si potrebbe dire anche parecchio introspettivo. In ogni caso mi ha lasciato molto dentro, e merita sicuramente, assolutamente 5 stelline. Se finora vi siete trovati bene con i miei consigli di lettura, fidatevi e leggete questo romanzo.

Blog Tour: Il regno capovolto, Marie Lu – L’Autrice

Annunci

Ciao lettori! Eccomi oggi con un nuovo blog tour, ormai ho preso il vizio di parlarvi stesso degli autori dei libri che leggo, ma ammetto che è una cosa che mi piace veramente molto! Quindi, iniziamo!

Trama

NATA CON UNO STRAORDINARIO DONO musicale, la piccola Nannerl Mozart ha un solo desiderio: essere ricordata per sempre. Ma, anche se incanta le platee con le sue straordinarie interpretazioni, ha poche speranze di diventare una celebre compositrice. È una ragazza nell’Europa del Diciottesimo secolo, e ciò significa che comporre per lei è proibito. Suonerà fino a quando avrà raggiunto l’età da marito: su questo il suo tirannico padre è stato ben chiaro.

Ogni anno che passa le speranze di Nannerl si fanno più sottili, mentre il talento del suo amato fratellino Wolfgang diventa sempre più brillante, e finisce per oscurarla. Ma un giorno giunge un misterioso straniero da una terra magica, con un’offerta irresistibile: può far diventare il sogno di Nannerl realtà. Ma il prezzo da pagare potrebbe essere altissimo.

Editore: Mondadori

Data di Pubblicazione: 02 Febbraio 2020

Pagine: 348

Prezzo: 17,00€

Marie Lu (nome originale: Xiwei Lu) è un’autrice americana di Young Adult. Nata in Cina, si è trasferita con la famiglia in America, in particolare in Texas all’età di 5 anni. Ha poi frequentato l’università della California del Sud, e ha lavorato in seguito negli studi interattivi della Disney. Attualmente vive a Los Angeles con suo marito, un figlio e qualche cagnolino.

L’autrice ha scritto diverse opere tra cui la trilogia Young Elite, Warcross e Batman: Nightwalker, ma a renderla celebre è stata la trilogia di Legend, la quale ha stabilito le basi per un film prodotto da Lionsgate. Di seguito la trama di Legend:

Los Angeles, Stati Uniti. Il Nord America è spaccato in due parti, la Repubblica e le Colonie, e la guerra sembra destinata a non finire mai. A quindici anni, June è già una promessa della Repubblica. Nata in una famiglia ricca e prestigiosa, oltre a una bella casa, un mucchio di soldi e la possibilità di frequentare le scuole migliori, possiede anche un vero talento nel cacciarsi nei guai e senza l’intervento di Metias, il fratello maggiore, probabilmente qualcuna delle sue bravate all’accademia militare sarebbe già finita male. Dalla morte dei genitori, Metias è l’unico su cui può contare, almeno fino al giorno in cui viene ucciso in circostanze misteriose. Il primo sospettato è Day, un ragazzo della stessa età di June, ma nato e cresciuto nei bassifondi della Repubblica. Ed è anche il criminale più ricercato del paese. Da quel giorno, June ha un unico desiderio: vendicare Metias. Ma per lei e Day il destino ha altri piani.

Blog Tour: Sorcery of Thorns, Margaret Rogerson – L’Autrice

Annunci

Ciao lettori! Eccomi con un nuovo articolo dedicato al Blog Tour di questa nuova uscita. Vi parlerò infatti dell’autrice di Sorcery of Thorns! Prima di iniziare voglio ringraziare Ylenia di Reine des Livres per aver organizzato l’evento e la casa editrice per aver fornito la copia.

Trama

Trovatella allevata in una delle Grandi Biblioteche di Austermeer, è cresciuta in mezzo agli strumenti della stregoneria: grimori magici che sussurrano e sferragliano catene. Se provocati, si trasformano in mostri inquietanti di cuoio e di inchiostro. Ciò cui Elisabeth ambisce è diventare una guardiana, incaricata di proteggere il regno dalle minacce della magia.

Il suo disperato tentativo di impedire l’atto di sabotaggio che libera il grimorio più pericoloso della biblioteca finisce per ritorcersi contro di lei: ritenuta coinvolta nel crimine, viene condotta nella capitale, in attesa di interrogatorio. L’unica persona su cui può fare affidamento è il suo nemico di sempre, il Magister Nathaniel Thorn, con il suo misterioso servitore; ma tutto sembra intrappolarla in una congiura secolare, che potrebbe radere al suolo non solo le Grandi Biblioteche, ma anche il mondo intero.

A mano a mano che la sua alleanza con Nathaniel si rafforza, Elisabeth inizia a mettere in discussione tutto quello che le hanno insegnato sui maghi, sulle biblioteche che ama così tanto, e soprattutto su se stessa. Perché Elisabeth ha un potere che non avrebbe mai sospettato, e un destino che non avrebbe mai potuto immaginare.

Editore: Mondadori

Data di Pubblicazione: 19 Gennaio 2021

Pagine: 444

Prezzo: 22,00€

Margaret Robinson è un’autrice molto misteriosa, cercando in internet ho trovato pochissime informazioni su di lei, fornite da sé stessa, tant’è che non ha nemmeno una pagina di Wikipedia.

L’autrice ha pubblicato attualmente due libri: An Enchantment of Ravens (2017) e Sorcery of Thorns (2019) recentemente pubblicato da Mondadori anche in Italia. Tuttavia sulla sua pagina Goodreads l’autrice ha rivelato che attualmente non sta lavorando a nessun seguito per Sorcery of Thorns, che è uno standalone, ma che in futuro le piacerebbe tornare a scrivere di Austermeer, citando alcuni fatti storici che le piacerebbe includere, come la riforma magia del 1672 e la Golden Age della stregoneria. L’autrice ci fa inoltre sapere che sta attualmente lavorando a un terzo libro, che non è legato a nessuno di quelli già scritti, ma che ancora non è stato scritturato, di conseguenza non sa se verrà mai pubblicato.

Di seguito potete trovare la presentazione che l’autrice ci fornisce sul suo sito, perché in fondo quale modo migliore di presentarvi quest’autrice se non attraverso le sue stesse parole?

Grazie per aver visitato il mio sito web. Sicuramente ti troverai qui perché sono un’autrice. Prima di esserlo sono stata un’assistente di marketing, graphic designer, e artista freelance; e prima di questo ho fatto la specializzazione in antropologia culturale alla Miami University in Ohio, mentre mi occupavo anche di un chiosco di canoe ed ero dipendente in un parco di divertimenti. Se vai ancora indietro dovrò raccontarti alcune storie strazianti su una bambina un po’ selvaggia che mangiava vermi, cacciava api vive e mordeva persona, per cui ti risparmierò i dettagli.

Quando non scrivo puoi trovarmi a disegnare, leggere, giocare, cucinare pudding o a strisciare attraverso i boschi in cerca di rospi o funghi. Mi diverto a collezionare sciarpe strane e guardare più documentari di quanto sia socialmente accettabile (secondo alcuni). Attualmente vivo semplicemente a nord di Cincinnati, in Ohio, ma un giorno mi piacerebbe vivere vicino a una foresta che di notte diventa più scura di quanto dovrebbe e produce strani rumori durante l’ora delle streghe. Mi piacciono tutte le cose strane e inquietanti.

Blog Tour: Canto di Natale, Charles Dickens: Il fantasma del Natale futuro

Annunci

Ciao lettori! Rieccomi oggi con un nuovo articolo, prevedo una settimana piena quindi restate sintonizzati! L’articolo di oggi è un po’ fuori tema con il periodo in cui ci troviamo perché parleremo in libro che solitamente si legge nel periodo natalizio. Prima di iniziare voglio ringraziare Ylenia di Cronache di lettrici accanite per aver organizzato l’evento e la casa editrice per aver fornito la copia!

Trama

La più celebre storia di Natale, toccante parabola fantastica di Charles Dickens, in un volume meravigliosamente illustrato da Iacopo Bruno.

Editore: Rizzoli

Data di Pubblicazione: 24 Novembre 2020

Pagine: 112

Prezzo: 20,00€

Come vi dicevo prima questo articolo non sarà una recensione, un po’ mi sembrerebbe anche un insulto provare a recensire un classico tanto rinomato. Quindi vi parlerò di uno dei temi affrontati da esso. Per chi conosce a grandi linee l’opera saprete che il protagonista è un uomo molto avaro e insieme una sorta di Grinch del passato, e che a causa di questi lati del suo carattere riceve la visita di tre spiriti che lo aiuteranno a vedere alcune verità che lui non nota. Gli spiriti che lo visiteranno sono: lo spirito del natale passato, lo spirito del Natale presente e lo spirito del natale futuro. Io oggi vi parlerò dello spirito del natale futuro.

Come è intuibile già dal tipo di storia, lo spirito del natale futuro è il terzo che visiterà Scrooge ed è quello che ha il compito di mostrargli come sarà il suo futuro se non dovesse cambiare il modo in cui vive. Questo spirito risulta molto diverso dai suoi colleghi, mentre i primi sono molto gioviali e chiacchieroni questo rappresenta una figura maestosa, sì, ma al contempo oscura e silenziosa nonostante le numerose domande di Scrooge (che infatti ne rimane intimorito). Non conosciamo la fisionomia di questo spettro poiché esso è interamente coperto da un mantello nero, eccezion fatta per una parte di braccio e mano, con la quale indica costantemente al protagonista dove deve porre la sua attenzione. Il futuro che viene mostrato è, ovviamente, un futuro oscuro e ricco di morte, si pensa infatti che lo spirito rappresenta non tanto lo spirito del natale futuro, ma la morte stessa.